Gia’ sappiamo che la rimozione delle celluse senescenti allunga la vita e che questo e’ uno dei sette volti dell’invecchiamento identificati dalla SENS Foundation e ora leggo con piacere di questo importante passo in avanti nella ricerca di sostanze ‘senoterapeutiche’ (senotherapeutics). Come non bastasse, e’ un peptide, il che vuol dire che (se non particolarmente complesso) potrebbe arrivare sul mercato grigio, magari not for human consumption, nel giro di qualche anno (per i longevisti piu’ spericolati…)

Qualche passaggio saliente, da Le Scienze:

Maggiore resistenza alla fatica, miglioramento della funzionalità renale e ricostituzione di una pelliccia sana: sono gli effetti della somministrazione a un gruppo di topi anziani di un peptide che stimola l’eliminazione delle cellule senescenti e la loro sostituzione con cellule nuove.

Infusioni regolari di un peptide (un “frammento” di proteina) che consente di eliminare le cellule senescenti e danneggiate e sostituirle con nuove cellule sane hanno portato a un netto miglioramento della salute di un gruppo di topi anziani e di topi geneticamente modificati per invecchiare più rapidamente del normale. Lo studio, realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Erasmus University Medical Center a Rotterdam, nei Paesi Bassi.

Il peptide, chiamato FOXO4-DRI, agisce bloccando la capacità di una proteina implicata nei processi di senescenza, FOXO4, di bloccare un’altra proteina, chiamata p53, che ha la funzione di innescare il suicidio cellulare, o apoptosi, nelle cellule danneggiate o colpite da mutazioni potenzialmente pericolose, come quelle che danno origine ai tumori.

L’eliminazione delle cellule senescenti stimola poi le staminali che si trovano nei tessuti a moltiplicarsi e differenziarsi in nuove cellule che sostituiscano quelle scomparse.

Lo studio, su Cell: Targeted Apoptosis of Senescent Cells Restores Tissue Homeostasis in Response to Chemotoxicity and Aging
Source: EstropicoBlog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *