Per la 1^A/A.F.M .e la 1^B/S.I.A.
Per iniziare il percorso di lettura sul genere horror, vi propongo dieci racconti del grande scrittore inglese Edgar Allan Poe (che abbiamo già conosciuto come “padre” del poliziesco per il suo racconto I delitti della rue Morgue). I testi che ho scelto sono i seguenti:
  1. Il gatto nero
  2. La caduta della Casa Usher
  3. La sepoltura prematura
  4. Il cuore rivelatore
  5. Una discesa nel Maelstrom
  6. Il barile di Amontillado
  7. Ligeia
  8. Il pozzo e il pendolo
  9. La cassa oblunga
  10. La mascherata della Morte Rossa.
Poe ha scritto decine di racconti, ed è facile reperirli, di solito con il titolo di Racconti del terrore o Racconti del mistero, dell’incubo e del terrore, in biblioteca, in libreria, come e-book (trovate qualcosa qui) o semplicemente navigando in rete (io ho trovato questi, questi e questi altri). Su YouTube ho trovato anche una bella lettura dei racconti, tutta da ascoltare: il primo racconto è La mascherata della Morte Rossa, purtroppo non c’è un elenco completo dei testi che vengono letti, ma se inserite nel motore di ricerca di YouTube il titolo del racconto che vi interessa lo trovate quasi certamente: ad esempio, ce ne sono alcuni letti e interpretati dal grande attore Giancarlo Giannini (che non si limita a Poe, ma vi propone anche testi di altri autori come Maupassant e Conan Doyle).

Quando scegliete il libro, fate attenzione a due particolari:

AGGIORNAMENTO: Ho controllato sul libro di uno di voi: in questa edizione trovate tutti i racconti indicati in elenco: E.A. Poe, Racconti del terrore, Oscar Classici Mondadori.

Naturalmente, se dopo aver letto i dieci racconti obbligatori avete voglia di proseguire con altri, va benissimo!
Una piccola noterella: i racconti di Poe hanno ispirato moltissimi registi, fin dagli albori del cinema; i risultati sono ovviamente diversissimi tra loro. Uno dei film giustamente più celebri è questo La caduta della Casa Usher (che si ispira però anche ad altri racconti dell’autore, come Ligeia) del regista francese Jean Epstein, che risale addirittura al 1928 ed è quindi muto e sottotitolato (ho inserito la versione originale, francese; su YouTube c’è anche una versione con i sottotitoli italiani, ma sono spesso “tagliati” dall’inquadratura, così come le immagini).

    Source: ehmaprof.blogspot.com

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *