Salvini e l'ex sindaco De Palma
Salvini e l’ex sindaco De Palma

Il 20 Maggio 2016 la città di Ginosa ha ospitato, presso il teatro Alcanices, il deputato, europarlamentare e segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, invitato dalla lista Noi con Salvini, presentatasi per la prima volta alle elezioni comunali, della coalizione di centro-destra che sostiene la candidatura a sindaco di Vito De Palma.

L’indignazione e le contestazioni per tale evento non si sono fatte aspettare e fin dal suo annuncio i social network, uniti sotto l’hashtag #ginosanonsilega, hanno dato voce a chi si opponeva alla presenza del segretario leghista.

Nasce su Facebook l’idea di dare concretezza ai vari animi contestatori, attraverso una manifestazione democratica e pacifica organizzata da Nico Zilio, un giovane laureato in giurisprudenza di 26 anni, e i ragazzi dei ’’Laboratori Sociali Alchera“ di Laterza.

In un territorio in cui la partecipazione politica è delegata ad una classe politica discutibile, in cui i giovani trovano con difficoltà uno spazio sociale in cui confrontarsi e caratterizzato da forti campanilismi, la manifestazione di ieri, che non si vedeva dai tempi dell’ex sindaco e partigiano Giuseppe Latorre (Ginosa, 8/01/1903– Roma, 23/05/1952) , unendo Ginosa, Laterza e i le realtà circostanti, ha dato un forte messaggio alla politica e la comunità locale. Ne ho discusso con l’organizzatore Nico Zilio.

tumblr_inline_o7iv848VkT1u0qber_500

Una manifestazione del genere non si vedeva da molto tempo a Ginosa, ed ha avuto il merito di unire diverse realtà, cosa avete voluto dimostrare scendendo in piazza?

La manifestazione di ieri è stato un momento di grande partecipazione; volevamo dimostrare che il Sud è una terra pulsante di energia vitale, una terra che ama e che lotta. Ma che è anche una terra che non dimentica gli anni di insulti di Salvini & co. La nostra è stata una risposta pacifica, ma arrabbiata, anche alla vergognosa scelta della lista Noi con Salvini di Ginosa di invitare un personaggio come il segretario della Lega Nord nella nostra terra.

La manifestazione è stata avvertita fin da subito con preoccupazione dagli organizzatori e dalla Digos che temevano scontri: avete avuto problemi con le forze dell’ordine?

Alcuni compagni dei Laboratori Sociali Alchera hanno avuto diversi problemi all’ingresso di Ginosa. Sono stati fermati e perquisiti ed intimiditi da agenti della Digos, questo nonostante già il giorno prima avessimo chiarito in maniera categorica la natura assolutamente pacifica della manifestazione.

A prescindere da questo episodio, la polizia ci ha lasciato spazio,a debita distanza dal loro protetto, ma non abbiamo ceduto ad alcuna provocazione ed abbiamo creato e vissuto una grande giornata.

Una giornata in cui abbiamo rivendicato la nostra dignità meridionale, meticcia, migrante. Volevamo urlare che la tolleranza e l’integrazione sono l’unica strada possibile. E l’abbiamo fatto.

tumblr_inline_o7ivapC4V31u0qber_500

La natura pacifica e democratica della manifestazione ha dimostrato che i suoi organizzatori e partecipanti sono tutt’altro che “ignoranti” come definiti dal candidato al consiglio comunale Donato Mancino. Cosa senti ti rispondere a quest’ultimo e soprattutto non credi che sul piano politico questa giornata sia stata un duro colpo alla coalizione che sostiene De Palma, causandogli una grave perdita di voti ?

Rispetto all’impatto elettorale, non riesco a dirti “quanto” questa giornata di lotta peserà il 5 giugno. La mia speranza è di aver fatto emergere tutte le contraddizioni e l’assenza di dignità di De Palma e di chi lo appoggia e, soprattutto, essere riusciti a dimostrare ai ginosini che può esistere una controcultura costruttiva, in grado di fare il bene della comunità e che, soprattutto, il paese è pronto per una vera e propria rivoluzione culturale.

Quanto al candidato Mancino, penso che le sue parole si commentino da sole: anzi, quasi mi viene da ridere se penso che proprio LUI ci ha apostrofati in questo modo!

Considerando l’ottima risposta della comunità e il sentimento diffuso di essere rappresentati da una classe politica mediocre, la manifestazione di oggi potrebbe essere il chiaro segno del desiderio della nascita di un nuovo spazio sociale e/o politico che vada a rappresentare gli animi presenti oggi in piazza?

Ne abbiamo parlato in assemblea in questi giorni. La nascita di un nuovo spazio sociale è un grande obiettivo, ma è necessario ragionare per piccoli passi. Dobbiamo incontrarci di nuovo, confrontarci su altri temi – perchè Salvini è un nemico comune facile da individuare, ma ci sono tanti altri temi meno plebiscitari da affrontare – e capire se c’è la possibilità di intraprendere un percorso insieme. Oggi, comunque, abbiamo gettato il primo seme..staremo a vedere!

tumblr_inline_o7ivcs5Sy01u0qber_500

Questo articolo è stato realizzato nella speranza che questo seme un giorno diventi “un bel fior”.



Source: vurpblog.wordpress.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *