Le diete disponibili sono moltissime – e non solo per un fatto di moda, ma anche per le diverse teorie nutrizionistiche e dietologiche su cui si basano, oltre che per la grande varietà di persone e problemi di peso a cui si devono applicare. E purtroppo, oltre ai professionisti, anche molti “esperti improvvisati” vogliono a tutti i costi dare un parere, spesso non qualificato.
Ma al di là delle teorie e dei pareri, esistono alcune semplici regole di base che si possono applicare molto largamente – e che sono spesso di maggior aiuto rispetto a seguire la dieta del momento.

1. Non tutte le diete funzionano
Intraprendere una dieta è una decisione che va presa a ragion veduta, e non trascinati dalla moda del momento – anche e soprattutto per non incorrere in amare delusioni. Occorre essere capaci di distinguere, innanzitutto, fra diete
reali e diete obiettivamente impossibili – solitamente, quelle che promettono miracoli senza alcuno sforzo. Ma una volta fatto questo, che è un semplice esercizio di buonsenso, il passo successivo è capire che la dieta efficace è quella che rispetta il proprio corpo, che non è uguale a quello di nessun altro e ha le proprie, particolari esigenze. Meglio cercare la dieta giusta per una settimana, che provarne una nuova ogni due giorni.

2. I miracoli non esistono
E cercare di ottenerli porta solo un gran raccolto di delusioni. Fare una dieta richiede anche obiettività e realismo: pretendere di perdere decine di chili in pochi giorni vi sottoporrebbe a sforzi, fisici e di volontà, semplicemente insostenibili – con il solo risultato di NON ottenere i risultati che desiderate, di scoraggiarvi (e spesso di violare le regole che voi stessi vi siete dati, perchè di fatto troppo rigide), e forse anche di danneggiare il vostro organismo. Realismo significa capire quanto si può davvero dimagrire e in quanto tempo, e aderire ad un piano serio ma realizzabile. Inoltre, il peso perso troppo in fretta torna altrettanto in fretta!

3. Parlate con uno specialista
La naturale conclusione dei due consigli appena dati è quella di rivolgersi a qualcuno che conosca davvero, e in maniera approfondita, il corpo e il suo funzionamento. Il vostro medico, o uno specialista dietologo, hanno studiato i meccanismi dell’organismo e sapranno suggerirvi in modo affidabile quale tipo di dieta, e con che ritmi, potrà giovare di più al vostro corpo; inoltre, sapranno individuare se nel piano dieta necessario ci sono particolari carenze o lacune nutritive, ed eventualmente prescrivervi gli integratori per sanarle.

4. Non basta la dieta

Non si può pensare di perdere peso in maniera definitiva, e meno che mai rapida, se alla dieta non si affianca un serio regime di esercizio fisico. La ginnastica e l’attività accelerano il nostro metabolismo, il che rende facile al corpo smaltire i grassi in eccesso, e ci fanno sentire meglio – fisicamente e d’umore! Non pensate che tutta la ginnastica debba essere noiosa o massacrante: anche una passeggiata, o fare quelle tre rampe di scale anzichè prendere l’ascensore, sono una forma di ginnastica, soprattutto se partite da una vita molto sedentaria!

5. Pianificare aiuta
C’è un grande nemico della dieta, e sono gli spuntini fatti per fame improvvisa; e c’è, per fortuna, una soluzione semplice al problema, ed è la pianificazione. Studiate a tavolino il menù della vostra settimana: può essere perfino divertente, specie se ricordate di variare le pietanze. Una volta stabilito cosa mangerete, potrete acquistare solo il cibo che vi serve, mettendovi al riparo dal rischio di mangiare alimenti sbagliati o in quantità eccessiva. Inoltre, non arriverete più a dover decidere all’ultimo momento cosa mangiare per pranzo o per cena – il che spesso porta a soluzioni poco sane, come cibi in scatola o surgelati.